• Campionati del Mondo,  Hockey Italia,  I Libri,  Partite storiche,  Personaggi,  Storia di un hockey antico

    1947, quando il Portogallo firmò la storia

    Domenica scorsa il Portogallo ha alzato al cielo l’ultima edizione della Coppa del Mondo, battendo l’Argentina ai rigori. Un trionfo che è stato festeggiato dall’intero paese, capeggiato dal Presidente Marcelo Rebelo de Sousa che ha omaggiato i campioni, Angelo Girao in testa. Per i rossoverdi si è trattato della vittoria numero 16, un numero di successi notevole. Ma quando è nato il mito dell’hockey nel paese di Helder Nunes? La risposta è semplice: il 21 maggio del 1947. Quel giorno il Pavilhao dos Desportos era stracolmo. Si narra di oltre 10 mila spettatori pronti a festeggiare la propria Nazionale, altrettanti fuori, incollati alle radio. E un intero paese pronto a…

  • Aneddoti,  Campionati del Mondo,  Hockey Italia,  Partite storiche

    Italia – Spagna, un “clasico”

    Nell’hockey su pista Italia – Spagna non sarà mai una partita come le altre. È un “clasico”, che mette di fronte due scuole di pensiero che scontrano dalla notte dei tempi. Con esattezza dal 23 Maggio del 1947, quando a Lisbona, nel loro debutto Mondiale, le Furie Rosse fecero capire che la storia l’avrebbero scritta con prepotenza. Quel giorno, davanti a 16 mila tifosi portoghesi, Jorge Trias e Tito Màs sorpresero 4-3 l’Italia. Gli Azzurri provarono ad arginare la forza degli emergenti spagnoli con le stoccate del duo triestino Poser – Mario Cergol, chiudendo gli spagnoli nella loro area. Ma nemmeno i tiri accompagnati di capitan Kullmann poterono contro il…

  • Aneddoti,  Coppa dei Campioni,  Hockey Italia,  Personaggi

    Giulio Cocco, Ale Verona e gli italiani di Portogallo

    C’è anche un po’ d’Italia nel campionato più spettacolare del mondo. In Portogallo oggi possiamo trovare i giocatori più forti in circolazione, ad esclusione dei talenti che militano del Barcellona. E nella NBA dell’hockey possiamo ammirare anche i nostri Giulio Cocco e, da settembre, Alessandro Verona. L’immenso potere del dio denaro e dei colossi del calcio, che grazie alla passione per le loro modalidades dispensano finanziamenti alle sezioni hoquei, ha definitivamente scavato un solco tra il campionato portoghese e il resto delle leghe europee. Oggi in terra lusitana l’hockey mantiene lo status di disciplina seguita con grande affetto, come confermano le presenze sugli spalti, mentre ai grandi investimenti viaggiano di pari passo i risultati sportivi.…

  • Campionati del Mondo,  Hockey Italia,  Storia di un hockey antico

    1986 in Brasile è un capolavoro Azzurro

    A Sertaozinho la Nazionale del Professor Massari vince il Campionato del Mondo: sarà il primo trionfo di un quadriennio dorato Sertaozinho, settembre 1986. L’Italia domina un campionato del Mondo vincendo in maniera quasi imbarazzante: nessuna nazionale riesce a tenere il passo degli Azzurri, che vantano una rosa fortissima e uno stile di gioco che li rende imbattibili. In porta Cupisti è il più forte al Mondo, mentre Parasico come vice è una garanzia assoluta. Dal Lago e Girardelli formano una coppia di registi letteralmente immarcabile: le loro giocate sono qualcosa di sublime. Crudeli in difesa è letteralmente insuperabile, condividendo la linea con capitan Colamaria. In attacco le armi si sprecano:…

  • Hockey Italia

    1984 nel Mondiale di Novara trionfa l’Argentina

    1984, Novara, l’inizio di una nuova era per la Nazionale italiana. Giovanbattista Massari conosciuto semplicemente come “Il Professore” continua nel suo lavoro iniziato pochi anni prima: lui, capace di portare il Giovinazzo ai massimi livelli europei, perdendo anche una finale di Coppa dei Campioni contro un imbattibile Barcellona, crea e plasma un’Italia forte, carismatica, talentuosa, che possiede carattere, gioco e una mentalità vincente mai vista prima. Se l’Europeo di Vercelli ’83 fu una sorpresa, Novara ’84 è la manifestazione che lancia definitivamente gli Azzurri nelle alte sfere: ora competere con l’Argentina di Martinazzo, la Spagna di Torner e il Portogallo di Cristiano non è più un’utopia, ma una solida realtà. Il Palazzetto…

  • Hockey Italia

    La bella favola del Laverda Breganze

    Nel 1960 un prete intraprendente avvia i ragazzi sui pattini: in pochi anni l’hockey diventerà una religione. L’ultimo capitolo è dedicato all’incredibile favola del Laverda Breganze, una storia che parte dalla passione di Don Piero Carpenedo e si chiude con i successi “fatti in casa” degli anni ‘70, con il primo giocatore breganzese Campione del Mondo. Nel mezzo potete ritrovare la passione genuina di un intero paese, che riversa nell’hockey un’amore senza eguali. (…) Come abbia fatto quel Breganze ad arrivare ai massi­ mi livelli partendo da zero, senza nessun aiuto esterno, contando solamente sulle proprie forze, resterà un mi­ stero. Mino Battistella non aveva dubbi “Avevamo solamente voglia di allenarci…

  • Hockey Italia

    1936, il Mondiale sotto gli occhi di Adolf Hitler

    Siamo nella Germania Nazista, nel periodo più buio della storia del Mondo. L’ideologia Nazionalsocialista si sta espandendo in tutta la nazione e tra i mezzi di propaganda utilizzati dal regime vi era ovviamente anche lo sport,   Il 2 Aprile del 1936 la Stadthalle di Stoccarda era gremita da oltre 10 mila spettatori.Il meraviglioso palazzetto, sede del 1° Campionato del Mondo, vantava un parquet intrecciato e ogni tipo di comfort moderno.Per il Nazismo si trattava dell’ulitmo banco di prova in vista dell’Olimpiade di Berlino 1936. Il grande Luigino Kullmann nelle sue memorie rivelò che in tribuna, ad assistere alla vittoria dell’Italia sulla Germania, spuntò anche Adolf Hitler… “(…) Gli Azzurri si guardavano…

  • Campionati del Mondo,  Hockey Italia,  Storia di un hockey antico

    1988, a La Coruna l’Italia è ancora Campione del Mondo

    Nella storia dell’hockey italiano c’è una manifestazione che ha segnato in maniera indelebile questo sport: il Mundial di La Coruna ’88. 50 minuti di gloria ne dedica un paragrafo cospicuo, addentrandosi in maniera emozionante nei meandri del più grande successo Azzurro. Il più difficile, il più clamoroso. (…) La Spagna è ancora terra di conquista per la Nazionale italiana, che dopo Spagna ’82 ed il successo della squadra di Zoff e Paolo Rossi, scrive un’altra bellissima pagina di sport, riuscendo a vincere un titolo mondiale in casa dei maestri, grazie a Cupisti e Marzella, che emulano splendidamente la leggendaria squadra di Enzo Bearzot. È il dolce settembre galiziano, con il suo…